prevenzione e riduzione consumo sostanze
Oltre il muro - HomepageOltre il muro - Chi siamoOltre il muro - SostanzeOltre il muro - Legge sulle sostanzeOltre il muro - Cura di seOltre il muro - ContattiOltre il muro - Links
Chi siamo


Il progetto

Oltre il Muro è un progetto realizzato dalla Parsec Cooperativa Sociale in partenariato con la Asl RmB del comune di Roma, finanziato dalla Regione Lazio tramite bando pubblico secondo quanto previsto dal Fondo Nazionale di Lotta alla Droga (F.N.L.D. legge 309/90).

Obiettivo del progetto è quello di prevenire e ridurre i rischi legati al consumo di sostanze psicotrope legali e illegali.

Territorio di intervento dell'équipe di Oltre il Muro è il comune di Roma - Municipi V; VII; VIII; X - ed in particolare i luoghi di aggregazione giovanile.

Destinatari diretti: adolescenti e giovani adulti consumatori e non di sostanze psicotrope legali (alcol) e illegali (cocaina, mdma, ketamina, cannabis etc etc) di età compresa tra i 14 e i 34 anni.

Destinatari indiretti: adulti significativi nel processo evolutivo ed educativo dei giovani, agenzie di socializzazione e loisir notturno, servizi pubblici e del privato sociale.

Metodologia: è quella dell'unità di strada che ha per filo conduttore della propria modalità di intervento la costruzione di relazioni e la promozione di atteggiamenti responsabili, di consapevolezza di sè e del proprio stile di vita.

Equipe: è composta da operatori sociali esperti del settore con diverse competenze e professionalità (educatore, sociologo, psicologo e psicoterapeuta) così da garantire un approccio multidisciplinare all'intervento e favorire la possibilità di fornire ai destinatari, sia diretti che indiretti, risposte e servizi appropriati.

L'unità di strada

Ai ragazzi e alle ragazze piace la strada e lo stare in strada. Eleggono muretti, panchine, piazze, parchi o giardini come spazi propri dove incontrarsi informalmente e dove condividere pensieri, esperienze e quotidianità.

Con l'unità di strada è possibile accedere e stare in questi luoghi di aggregazione scelti dai ragazzi, facilitando così l'instaurarsi di relazioni significative.

La relazione, infatti, è lo strumento privilegiato della metodologia del lavoro di strada, grazie alla quale si possono avviare processi di riflessione sui consumi e sui rischi connessi all'uso e abuso di sostanze psicotrope e alcol.

E' attraverso lo scambio, il confronto e l'ascolto attivo che le opinioni, le storie e le esperienze dei ragazzi divengono l'elemento centrale per conoscere e comprendere le loro curiosità e i loro dubbi.

Gli operatori hanno così la possibilità, all'interno della relazione, di fornire consulenze, informare sui rischi e gli effetti connessi all'uso e abuso di sostanze psicotrope e alcol e di lasciare dei materiali informativi elaborati ad hoc e consegnati esclusivamente ad personam, dove oltre alle informazioni sono indicati i riferimenti telefonici e web del progetto per favorire una continuità e un eventuale approfondimento.

L'unità di strada di "Oltre il Muro" si muove nei municipi V, VII, VIII e X con uscite pomeridiane.

L'equipe effettua l'unità di strada anche durante serate, manifestazioni, festival, iniziative commerciali e autogestite, in particolare nei fine settimana. In queste occasioni viene allestito uno spazio informativo "infopoint", dove vengono fornite consulenze e informazioni su effetti e rischi, anche attraverso la proposte di attività ludico preventive (video box, questionari, video, giochi etc).

In generale viene promossa una cultura della prevenzione come riduzione della domanda e dei rischi; si offre anche una conoscenza dei servizi e delle strutture presenti sul territorio di possibile interesse per il gruppo target (centri aggregativi, consultori, ser.t, associazioni culturali etc.).

Le consulenze

Il progetto "Oltre il Muro" offre consulenze informative e psicologiche gratuite, nel rispetto della legge sulla privacy, riguardo:

  • informazioni e chiarimenti su effetti e rischi di sostanze psicotrope e alcol, su malattie a trasmissione sessuale e sugli aspetti legali legati al consumo o al possesso;
  • gli aspetti personali dell'esperienza di consumo sia proprio che altrui;
  • informazioni e collegamenti riguardo la rete dei servizi del territorio di riferimento.

Il servizio è condotto da professionisti, membri dell'equipe, con esperienza consolidata riguardo le tematiche adolescenziali, il cambiamento del fenomeno di consumo e di abuso di sostanze psicotrope e alcol, le variabili che possono influenzare gli stili di consumo.

La possibilità di richiedere consulenze è rivolta ai giovani consumatori e non, ai genitori, ai familiari, agli adulti consumatori, agli insegnanti e agli agenti sociali del territorio.

Può avvenire tramite posta elettronica, consultazione telefonica, colloquio vis a vis.

Le consulenze possono essere richieste sia dalla persona consumatrice che dalle persone vicine al consumatore/abusatore: genitori, moglie, marito, fidanzato/a, fratello, sorella, amico/a, insegnanti, agenti sociali etc.

Obiettivo principale di ogni consulenza è quello di offrire, attraverso un atteggiamento empatico e privo di pregiudizi, uno spazio di ascolto, accoglienza, sostegno e contenimento.

Il consulente infatti modulerà l'intervento tenendo sempre conto di chi fa la domanda, di cosa chiede e di quali potrebbero essere le eventuali conseguenze correlate.

La pluralità dei consumi di sostanze psicotrope, infatti, esige che si tenga sempre presente di come si diversifichino gli stili di consumo e di come questi si intreccino con i diversi aspetti della vita di una persona (sfera lavorativa, affettiva, relazionale, formativa, sessuale e stato di salute).

Per valutare la situazione nella sua complessità (analisi della domanda), nel primo contatto la situazione descritta e la richiesta esplicitata verranno approfondite anche attraverso ulteriori domande.

Infine l'equipe potrà mettere in contatto l'utente con specialisti medici e legali per una ulteriore consulenza.

Condividi